Arte in Casa

laboratori artistici a titolo gratuito presso il domicilio di persone anziane


Arte in Casa

La casa ai tempi del Coronavirus ha acquistato la sua essenza più primitiva, quella di nido, di rifugio protetto, il luogo in cui il mondo esteriore con i suoi pericoli viene respinto dalle mura domestiche. Ma, dopo tanti mesi di isolamento e reclusione domestica di cui la popolazione anziana è stata la vittima più fragile, la casa sta diventando sempre più stretta e monotona, a volte una vera e propria gabbia.

Da queste premesse nasce il progetto “Arte in casa” (Percorsi artistici individuali per anziani a domicilio) promosso dalla Casa di Riposo Il Gignoro e finanziato dalla Fondazione CR Firenze. Si tratta di un laboratorio gratuito da svolgere insieme a operatrici che in tutta sicurezza andranno a domicilio. Obiettivi del progetto sono raccontare, creare, condividere e interagire in gruppo attraverso la modalità in remoto, sperimentando diversi linguaggi espressivi e divertendosi a scoprire l’arte che è nella propria casa.

Il progetto si articola in 9 cicli di 7 appuntamenti. Ogni ciclo coinvolge 4 anziani e altrettante operatrici. I dispositivi tecnologici e i materiali che servono alla realizzazione del progetto sono interamente messi a disposizione dalla struttura. I 7 appuntamenti si alternano fra individuali e collettivi (ovviamente con la modalità in remoto). Questi ultimi avverranno con la presenza on line anche di collaboratori esterni. Al progetto hanno aderito infatti Il Museo dell’Opera del Duomo, l’associazione Immaginario e, attraverso essa, il Museo Horne e Casa Siviero, La Stanza dell’attore, l’ARCI, La Piccola Farmacia Letteraria e l’artista Silvia Logi.

Continuando a vivere, come ha detto anche il filosofo Umberto Galimberti, nella speranza di tornare presto ad avere relazioni sociali secondo natura, “in cui l’uomo incontra un uomo e non l’immagine di un uomo in uno schermo”, pensiamo che “Arte in casa” possa permettere, nel frattempo, una socializzazione sicura, ma allo stesso tempo proficua.

Al termine dei 9 cicli è prevista infine una mostra con le opere realizzate dai partecipanti e un evento teatrale in presenza o in remoto.

Per saperne di più, contattate il numero 340 3912355